Com’è la vita nel carcere?

È questa la domanda che ci siamo poste noi ragazze del Noviziato del gruppo Scout ad inizio anno, quando era giunto il momento di scegliere cosa fare in questi mesi prima della salita in Clan/Fuoco. La risposta ci incuriosiva, perché è un tema solitamente non molto trattato dai mass media che seguiamo.

A rispondere a questa domanda ci ha aiutato Don Pietro Zardo, originario di Loreggia, cappellano del carcere di Santa Bona a Treviso.

Dopo esserci un po’ informate della sua esperienza tramite il suo libro “Condannati a vivere”, Don Pietro ha dato la disponibilità per parlare, a noi e al Clan/Fuoco, della realtà nelle carceri italiane, in particolare di quello di Treviso.

Don Pietro ci ha fatto una breve presentazione della vita in un carcere. Non molti saranno a conoscenza del sovraffollamento nelle carceri che arrivano a contenere addirittura il doppio delle persone che possono ospitare; del poco personale: circa 100 “ospiti” sono seguiti da un solo psicologo; dalla varietà di etnie che spesso possono causare contrasti; dalla diversità delle persone messe assieme che hanno commesso reati più o meno gravi; dalla mancanza di laboratori che costringe i detenuti a vivere la maggior parte del tempo in una cella stretta e angusta, formata solamente dai posti letto, un piccolo tavolo per sedersi a turno, e un bagno composto da un lavandino e una turca, un luogo che diviene inospitale in estate con afa e caldo. A seguito di questa introduzione ci è stato mostrato un video in cui si rappresentava la giornata-tipo in carcere, con l’intervista ad alcuni carcerati che esprimevano le loro difficoltà nel vivere in un ambiente eccessivamente ristretto, a volte abbandonati dai famigliari ed emarginati dalla società. I detenuti intervistati praticavano laboratori di falegnameria e assemblaggio e affermavano che si poteva trascorrere in modo più proficuo il tempo, creando anche delle amicizie, ma non c’è posto per tutti e si fa quindi a rotazione tra i laboratori, le pulizie, la cucina e la lavanderia.

Don Pietro infine ha soddisfatto tutte le nostre domande e curiosità su questo ambito, così da aprirci gli occhi sulla nostra realtà, quella che viviamo tutti i giorni, si quella fuori dal carcere. Ci ha chiesto di attivarci di vegliare perché le persone a cui viene privata la libertà sono persone con un disagio che nasce nell’adolescenza. Ci ha chiesto di essere vicini ai nostri coetanei con difficoltà in famiglia, a scuola o semplicemente tra le compagnie perché sono i soprusi e la solitudine vissute da giovanissimi che poi “scoppiano” da adulti. Ci ha letto una lettera di un carcerato che ripercorreva la sua infanzia di tristezza, di solitudine. Del bullismo tra giovani subito e poi contraccambiato con i più deboli.

Don Pietro ci ha messo in comunicazione con il Cappellano del carcere minorile di Treviso don Giorgio, dove a fine marzo ci recheremo per animare una SS Messa domenicale.

Ringraziamo Don Pietro per la disponibilità di averci portato la sua testimonianza, al Clan/Fuoco nostro ospite e i Capi che ci hanno organizzato questo incontro.

Alice, Anna, Greta, Irene e Silvia

Il Noviziato Fenice

Loreggia 1