ROUTE, un’esperienza tutta nuova, iniziata giovedì 4 luglio 2019, attendeva il Noviziato Fenice del Loreggia 1: percorrere un tratto dell'Alta Via n° 1. Si tratta di un trekking nelle nostre meravigliose Alpi. 5 giorni di camminata passando per varie località come Passo Falzarego, Passo Giau, Città di Fiume, Lago Coldai, rif. Tissi, rif. Vazzoler e molti altri, con lo zaino sulle spalle come bagaglio e le tende come unico rifugio per dormire.

ROUTE, un’esperienza tutta nuova, iniziata giovedì 4 luglio 2019, attendeva il Noviziato Fenice del Loreggia 1: percorrere un tratto dell'Alta Via n° 1. Si tratta di un trekking nelle nostre meravigliose Alpi. 5 giorni di camminata passando per varie località come Passo Falzarego, Passo Giau, Città di Fiume, Lago Coldai, rif. Tissi, rif. Vazzoler e molti altri, con lo zaino sulle spalle come bagaglio e le tende come unico rifugio per dormire.

Lo scopo era quello di vivere sulla propria pelle il cammino, non solo in senso figurato ma anche letteralmente. La fatica di certo non è mancata ma gli splendidi paesaggi di montagna le davano un significato importante e ne allietavano la fatica. Durante la strada si sono presentate molte difficoltà, ma con l'aiuto reciproco siamo riusciti ad affrontarle senza grossi problemi e a raggiungere le mete preposte ogni giorno (anche in anticipo!!).

20191027 alta via route scout 2018 2019Anche le condizioni meteo erano dalla nostra parte dato che solo un giorno abbiamo camminato sotto la pioggia per non più di 30 minuti. Alla fine della giornata si montavano le tende e ci si riposava, per poi il mattino seguente caricare di nuovo gli zaini in spalla e ripartire verso una nuova meta. Noi scout siamo abituati a dormire in tenda e a mangiare in gavetta, ma portarsi la tenda sulle spalle per campeggiare ogni giorno in un posto diverso gustando a pieno il Creato, cucinare per la gara di cucina con il fornelletto sotto ad un diluvio è un’esperienza che ti fa assaporare a pieno la libertà.

In questi giorni abbiamo potuto conoscersi un po' meglio e consolidare il legame attraverso le fatiche del cammino. Durante questa Route non sono mancati i momenti di allegria e discussione che ci hanno permesso di andare avanti e far passare il tempo durante la camminata. Anche i momenti di preghiera che ci hanno accompagnato per questi 5 giorni, con la liturgia delle ore al mattino con le Lodi e alla sera con la Compieta prima di andare a letto. Siamo tornati lunedì 8 luglio dopo questa magnifica esperienza, carichi e motivati nonostante le fatiche, per una nuova sfida, la salita al Clan.

Un ringraziamento va ai genitori, che ci hanno portato all’inizio del percorso e che scommettono su questo tipo di esperienze fidandosi di noi ragazzi: Davide, Filippo, Luca e Michele, grazie ad Eliseo e a Damiano che ci hanno sopportato/supportato ed aiutato lungo il tragitto e nella preparazione a casa per fare in modo che la Route fosse più “leggera”.

Un super ringraziamo va a Don Davide che tra i mille impegni ci ha dato la possibilità, com’è nostro stile, di iniziare e terminare la Route con la S.S. Messa, di fare strada con noi gli ultimi giorni di campo, per farci riflettere con la veglia (di uno straordinario cielo stellato) su come il Signore fa parte della nostra vita prendendo come esempio Pietro nella Chiamata degli Apostoli.

Lince responsabile