26 Dicembre 2014, ore 7.30 del mattino.

E’ a quest’ora della giornata che inizia il nostro campetto invernale in quel di Canal San Bovo, in provincia di Trento. Dopo la S.S. Messa in ricordo del martirio di San Stefano, con gli zaini in spalla (o per meglio dire, nei bagagliai) si parte. Speranzosi di trovare la neve e la misteriosa creatura di nome Bigfoot, abbiamo trascorso tre giorni insieme per scrivere nero su bianco i punti fondamentali della Carta di Clan.

Arrivati con un po’ di anticipo rispetto all’ora prevista, ci siamo subito sistemati all’interno della canonica di Canal San Bovo e dopo aver pranzato e goduto della splendida vista che dava la terrazza del soggiorno, ci siamo diretti al passo Broccon a 1650 metri di altezza in cerca di un po’ di bianco divertimento.

Ed è proprio qui che certe volte non ci accorgiamo di quanto poco ci basta per passare del tempo in allegria: dei buoni compagni di viaggio e un laghetto ghiacciato. Si, perché il primo giorno è stato segnato da botte, cadute, palle di neve e ancora cadute e ancora botte. E dopo un gioco a fazzoletto ricco di scivolate di potenza sul ghiaccio, siamo tornati al caldo per progettare assieme le linee guida per i prossimi Punto della Strada: il momento in cui si verifica il percorso individuale del proprio cammino scout e lo si condivide con gli altri.  

Dopo la cena il giovane Noviziato ci ha tenuti occupati con il fantastico gioco di Lupus in Tabula, con il quale siamo riusciti a “tirare giù” la canonica nella quale risiedevamo. Il giorno seguente, dopo una colazione ricca di fibre, siamo tornati al passo per svolgere le attività ed i giochi ideati dalla pattuglia Animazione. E qui, il miracolo: la neve. Abbiamo saputo quasi in diretta che siamo riusciti a portarne un po’ anche a Loreggia. Ci fa piacere. Quando abbiamo visto che la soffice e candida neve avrebbe potuto trasformarsi in una bufera (si scherza ovviamente) abbiamo deciso di tornare alle auto, non prima ovviamente di esserci di nuovo “tuffati” nel laghetto tanto amato. A questo punto, è doveroso ringraziare Matteo, che con tanto coraggio ha solcato le intrepide strade innevate di Canal San Bovo per riportarci al nostro rifugio.

E dopo tutti questi momenti di svago, siamo ritornati seri per scrivere e condividere i punti nei quali vogliamo si basi il Clan/Fuoco, mettendoci la faccia e in un futuro ormai non distante, la “Firma”, La Strada, la Fede, il Servizio, la Comunità e lo Scouting.

Dopo un’ultima battaglia sulla neve, che era arrivata ormai anche in centro del paese di Canal San Bovo, ed una cena degna dei migliori rifugi di montagna, il fuoco serale ha visto come protagonista la sfida delle canzoni vinta dai Capi (Eliseo, Irene, Miriam, Don Luca). Vogliamo la rivincita.

Concludendo, l’ultimo giorno abbiamo salutato alla mattina Don Luca che è ripartito prima di noi, per impegni in parrocchia, e con il quale abbiamo deciso quali saranno le festività alle quali parteciperemo come Clan e Noviziato. Infine abbiamo ospitato a pranzo Kaa facendo ritorno alla pianura innevata di Loreggia.

Il campo invernale è stata una buona occasione per unire il Clan con il nuovo e tenace Noviziato tutto al femminile. E direi che l’opportunità è stata colta al meglio.

Ringraziamo, Don Luca per il costante cammino di formazione degli ultimi tre anni sempre presente ai campi invernale e estivo, al parroco Don Nicola della parrocchia di San Bartolomeo per la squisita ospitalità.

Con questo, non mi resta che dirvi: Buona Strada e alla prossima magica avventura!

Dario del Clan dei Viaggiatori Liberi

 20141226-28 Camp Inv RYS 26