Con l'inizio del nuovo anno pastorale, si ricordano alcuni appuntamenti:

  • Venerdì 21 Settembre, a Treviso: Il vescovo apre il nuovo anno pastorale. Sono invitati tutti gli operatori pastorali parrocchiali, in particolare i membri del CPP;
  • Giovedì 27 Settembre: Riunione CPP. All’inizo dell’anno si moltiplicano le riunioni, ma per avviare in armonia le varie attività, non possiamo farne a meno e contiamo sulla generosità dei partecipanti, avvisando per tempo.
  • Sabato 29 Settembre: Assemblea dei CPP e CPAE. Nel pomeriggio di sabato 29 settembre, dalle 15:00 alle 17:30, sono invitati ad una riunione straordinaria, un’assemblea che si terrà a Loreggia, tutti i CPP e i CPAE della Collaborazione. A questa assemblea potranno partecipare anche i parrocchiani che lo desiderano.

Sono già stati diffusi i volantini e, già da tempo, animatori e adulti si stanno preparando per l’avvio di una bella avventura che occuperà i ragazzi nella prima parte dell’estate. Un incontro straordinario è previsto in questa settimana per tutti gli adulti della Collaborazione pastorale che si sono resi disponibili ad un servizio nel Grest. Si terrà a Rustega, lunedì 11/06 alle ore 20.45.

locandina 40ennale

Giovedì 17 Maggio, in Casa del Giovane alle ore 20:45 durante la riunione, verrà presentato il bilancio parrocchiale del 2017 e, insieme al CPAE, verranno valutati i problemi economici che la parrocchia si trova a dover affrontare (Scuola materna, Campo sportivo, Campane, Accoglienza-profughi, Missione in Ciad, ecc.). Chi volesse partecipare, sappia che le riunioni del CPP sono sempre aperte a tutti i parrocchiani.

IL DISCERNIMENTO: UN CAMMINO DI LIBERTA’

«Non siamo in un’epoca di cambiamento, ma in un cambiamento di epoca» Papa Francesco

Quest’anno l’AGESCI (Associazione Guide e Scout cattolici italiani), ha deciso di mettersi in cammino nel percorso del discernimento perché  questo ‘cambiamento di epoca’ tocca molte dimensioni della vita dell’uomo sul pianeta e nella concreta esperienza di ciascuno di noi.

Nei giorni 16-17-18 marzo tutte le comunità capi d’Italia si sono messe in strada  per condividere il proprio vissuto, confrontarsi e attivare percorsi di discernimento personale e comunitario.

La co.ca di Loreggia ha iniziato il suo cammino sabato mattina partendo dalla parrocchia Sant’Antonino (TV) e  lungo il Sile ha iniziato riflettere, attraverso alcune domande,  sull’importanza della dimensione comunitaria nel processo di discernimento.  Arrivati a Treviso siamo stati accolti nella foresteria del seminario e qui dopo pranzo  abbiamo continuato le nostre riflessioni con l’aiuto di Don Flavio Schiavon, assistente della comunità teologica e il nostro Matteo che ci ha guidato nella comunità vocazionale.

Divisi per gruppetti,  attraverso la scoperta delle varie comunità del seminario abbiamo provato a cogliere quegli aspetti e quei particolari che richiamassero un elemento di discernimento.

Una volta ritrovati ci siamo confrontati negli aspetti ritrovati e nel significato delle parole  emozione/sentimento e desiderio/sogno. Abbiamo compreso come, nel processo di discernimento, il saper riconoscere i sentimenti e i desideri sia un’altra condizione necessaria, come necessaria è la riflessione sulla realtà e il tempo a cui apparteniamo (chi, dove e con chi siamo stati e  chi dove e con chi siamo). Un ultimo aspetto da prendere in considerazione e forse il più importante è capire “chi ci manda” nel nostro operato.

Alla sera dopo un po’ di fuoco serale abbiamo partecipato a una veglia nei luoghi più suggestivi del seminario. Attraverso alcuni passi degli Atti degli apostoli abbiamo capito che Gesù ci ha dato un mandato e ci ha affidato i ragazzi perché, attraverso gli insegnamenti dello scautismo, ne abbiamo cura e li accompagnamo nel loro percorso di crescita.

Nella giornata di domenica di siamo trasferiti a Possagno dove ci siamo incontrati con tutte le comunità capi in cammino della zona di Castelfranco Veneto. Come zona ci siamo impegnati in un progetto per trasmettere ai giovani un messaggio sulla bellezza della vita, così ogni co.ca ha pensato a dei mini video per dare una motivazione sul perché #lavitaèunafigata. Dai vari video ne verrà montato uno unico da trasmettere poi attraverso i vari canali per raggiungere quanti più ragazzi possibile.

L’attività si è conclusa con la messa al tempio di Possagno e un pranzo ristoratore.

Un grazie al seminario di Treviso per averci ospitato,  a Don Flavio Schiavon per averci accompagnato in questa parte di cammino, a Matteo che ci ha testimoniato con la sua esperienza il significato del discernimento. Un grazie ai capi che si mettono continuamente in discussione e formazione ma un grazie in particolare va ai nostri ragazzi e ai loro genitori che ci danno fiducia e credono in questo grande gioco che è lo scautismo.

Buona strada

Irene

 

40ennale 6

 

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti in particolare per le seguenti funzionalità: Video YouTube e mappe Google Maps, Servizio statistiche Histats. Continuando a navigare, si accettano i cookie.