Natale 2016

Carissimi parenti amici e benefattori,

Ieri sera dopo la celebrazione dei vesperi ho chiesto a Pan, uno dei seminaristi che mi aiutano nel lavoro delle comunità-baraccopli nei dintorni di Pathumthani:”Dove sei stato oggi?”“Ho visitato le comunità di Wat Sake, di Lat Lum Kew e di Ko Ping assieme a Kof, Pao e Fon”. “Che sentimenti avevi mentre visitavi queste comunità? “Mi son sentito mancare le forze”. Perché nessuno si prende cura dei più deboli? Io ho fatto pulizia nelle case degli anziani, Kof ha tagliato i capelli ,mentre Fon lavava i loro vestiti e Pao distribuiva il cibo. Dobbiamo fare tutto noi, portare gli ammalati all’ospedale, assisterli, riportarli a casa...” Gli risposi :” Questo significa che il regno di Dio è in mezzo a noi, sii felice che puoi fare questo e non aspettarti nulla altro”. Pan ha fatto un sorriso....Questa mattina Pan è andato a portare nel nostro centro San Martino una bambina di otto anni che è stata violentata da un adulto. Una scuola privata il cui proprietario è un cattolico della parrocchia l’ha accettata nella sua scuola.

Sono uscito pochi minuti dall’ ufficio per ricevere un offerta fatta da una scuola cattolica per ragazzi ricchi Buddhisti che risparmiano un Bath (=2 centesimi di Euro) al giorno per offrire ai poveri in occasione del Natale.

Stiamo terminando la costruzione del campo da calcio, pallacanestro, pallavolo, parcheggio e aule di attività (musica, arte e mestieri) per i ragazzi e i giovani delle baraccopoli. C’è già anche un grande orto con banane, papaie, limoni, manghi ecc. Abbiamo anche in progetto un laghetto e un bosco “francescano “ per salvaguardare la natura che e’ continuamente in pericolo in questa periferia della città di Bangkok e.... avere un angolo di pace. (tutto questo sul terreno comperato dall” Arcivescovo l’anno scorso).

Un mese fa abbiamo accolto alla chiesa il Signor Suk. Era stato abbandonato ai cancelli della chiesa, ubriaco e quasi inconscio. Un po’ alla volta abbiamo rintracciato la provenienza. Dopo pochi giorni che stava con noi, ha avuto un ictus cerebrale e stava quasi per morire. Noi siamo andati all’ospedale per pregare per lui. Il giorno dopo e’ tornato da solo dall’ospedale...siamo rimasti tutti stupiti... Ora sta molto bene ed e’ di buon aiuto nel lavoro del giardino.

Circa due mesi fa una signora mia amica mi ha telefonato chiedendomi se poteva portare alla chiesa un giovane poliomelitico che ha trovato per strada. Erano le nove di sera, qui è già notte inoltrata. “Va bene” ho detto. Gli abbiamo dato ospitalità, lo abbiamo aiutato a fare la carta di identità e di disabile gli abbiamo trovato un lavoro e una stanza dove stare. Ci ha detto:”Ho trovato una famiglia”; i suoi genitori sono morti.

Il Regno di Dio è in mezzo a noi. A tutti gli auguri di Buon Natale e Felice anno Nuovo. Camminiamo con gioia e sicurezza, il futuro è di Dio e noi siamo di Dio, e Dio è in noi.

P. Adriano Pelosin  

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti in particolare per le seguenti funzionalità: Video YouTube e mappe Google Maps, Servizio statistiche Histats. Continuando a navigare, si accettano i cookie.