Ottobre – Dicembre 2016

Carissimi sorelle, amici e benefattori, il Natale è ormai alle porte e cresce l’attesa che apre a nuovi orizzonti alla nostra speranza: Gesù viene a noi, l’Eterno ancora una volta si fa piccolo, prende la nostra natura umana segnata dal peccato e le ridona dignità, salvezza.

E’ il dono più grande che ci colma di grazia e di benedizioni . Godiamo in pienezza di questo dono di salvezza e viviamo nella gratitudine in questo nostro mondo purtroppo segnato da tenebre e tristezza.

Natale 2016

Carissimi parenti amici e benefattori,

Ieri sera dopo la celebrazione dei vesperi ho chiesto a Pan, uno dei seminaristi che mi aiutano nel lavoro delle comunità-baraccopli nei dintorni di Pathumthani:”Dove sei stato oggi?”“Ho visitato le comunità di Wat Sake, di Lat Lum Kew e di Ko Ping assieme a Kof, Pao e Fon”. “Che sentimenti avevi mentre visitavi queste comunità? “Mi son sentito mancare le forze”. Perché nessuno si prende cura dei più deboli? Io ho fatto pulizia nelle case degli anziani, Kof ha tagliato i capelli ,mentre Fon lavava i loro vestiti e Pao distribuiva il cibo. Dobbiamo fare tutto noi, portare gli ammalati all’ospedale, assisterli, riportarli a casa...” Gli risposi :” Questo significa che il regno di Dio è in mezzo a noi, sii felice che puoi fare questo e non aspettarti nulla altro”. Pan ha fatto un sorriso....Questa mattina Pan è andato a portare nel nostro centro San Martino una bambina di otto anni che è stata violentata da un adulto. Una scuola privata il cui proprietario è un cattolico della parrocchia l’ha accettata nella sua scuola.

Dicembre 2016

Cari amici,
ho lasciato passare più di un mese prima di riprendere in mano la penna. Il progetto Muisne va avanti, quanto meno su due fronti: sul fronte dei contadini e sul fronte del reperimento di fondi anche locali. I contadini continuano a fare "minghe" (non è un vocabolo lombardo, è localissimo e significa lavoro comunitario). Hanno più fretta della burocrazia esmeraldegna che è lenta, lentissima.

Agosto - Settembre 2016

Carissimi sorelle, amici e benefattori, il mese di ottobre ormai vicino ci da nuovamente la possibilità di volgere la nostra attenzione sull’ attività missionaria della Chiesa. Senza questo impulso dello Spirito, che spinge continuamente ad andare sulle strade del mondo ad annunciare e testimoniare l’Amore misericordioso di Dio, la nostra fede è vana.

Estalagem, 01.09.2016

Carissimi amici del Gruppo Missione, è con il cuore pieno di allegria e riconoscenza al Signore che vi scrivo, perché so che posso sempre contare sulla vostra preghiera, sul vostro ricordo e sulla vostra amicizia. Anche tutti voi potete contare sulla mia.