Dal Mozambico scrive Sr. Maria Pedron alla quale è arrivato il nostro contributo tramite Sr. Gabriella Visentin: è una vera manna dal cielo per comperare medicine per i poveri, perché per loro non c'è nessun aiuto statale.       

Anche dall'Uganda arriva una lettera di ringraziamento: Sr. Anna Pia De Marchi ha consegnato il nostro contributo alle consorelle, che in Uganda, paese dove ha curato per tanti anni malati di lebbra, continuano ad annunciare il Vangelo con la Parola e le opere di carità.     

 

Il Gruppo Missionario e l'associazione “Amici degli Indios - P. Bruno Marcon” hanno presentato al Consiglio Pastorale un programma per ricordare il 20191201-p-bruno-marconmissionario P. Bruno Marcon a 20 anni dalla morte, avvenuta il 24 dicembre 1999:

  • un opuscolo dove vengono riportate le “lettere dalla missione “: è la corrispondenza che P. Bruno teneva con il parroco don Antonio Serafin; rivelano un ricco scambio di valori umani e spirituali tra comunità cristiane;                                                                 
  • S. Messa di commemorazione di P. Bruno domenica 29 dicembre, ore 11:00: speriamo di avere almeno la presenza di fr. Carlo Zacquini, missionario Consolata, che si trova in Italia quale testimone e esperto della cultura dei popoli indigeni.

Mostra missionaria: “Il mondo visto da un'alta prospettiva”. Si è deciso di esporla in Quaresima (17-22 Marzo) per dare la possibilità ai ragazzi della scuola e del catechismo di visitarla.

 

Il doposcuola per alunni stranieri è iniziato mercoledì 12 novembre con un incontro volontari-insegnanti: si è parlato su come gestire meglio l'attività. Quest'anno sono 16 i volontari per la scuola primaria e 8 per la secondaria, grazie all'impegno di una insegnante del Newton di Camposampiero, che ha portato alla Scuola Media di Loreggia 5 ragazze con il progetto “alternanza scuola-lavoro”.

Questa attività a favore di bambini stranieri si affianca ad altre iniziative parrocchiali della Caritas e della Scuola Materna; una comunità cristiana non può ignorare le famiglie straniere presenti nel nostro territorio: sono la “periferia” che Papa Francesco ha invitato a frequentare.

 

Papa Francesco, in concomitanza con il Sinodo sull'Amazzonia, ha indetto ottobre mese missionario straordinario dal titolo "battezzati e inviati", con lo scopo di:                                                                                                                  

  • rinnovare, rimotivare l'impegno missionario della Chiesa, superando la tentazione del "prima qui";
  • riqualificare, ripensare la pastorale quotidiana delle parrocchie in chiave missionaria. Papa Francesco raccomanda la preghiera e l'approfondimento della Parola di Dio per essere veri annunciatori del Vangelo di nostro Signore.                                                                                                  

Il Centro Missionario Diocesano ha suggerito tre iniziative:

  1. incontro sul Sinodo per l'Amazzonia, tenutosi a Camposampiero il 4 Ottobre con la testimonianza di un missionario laico;             
  2. Veglia missionaria diocesana con invio di missionarie e missionari, celebrata nella Chiesa di S. Francesco in Treviso il 19 ottobre;
  3. Mostra missionaria dal titolo: “Il mondo visto da un'altra prospettiva”, presente in Diocesi per due settimane a Castelfranco Veneto e a Paese nel mese di ottobre.
 

L'estate è il periodo dell'anno in cui la nostra comunità ha diverse opportunità di incontrare e salutare missionarie e missionari. Abbiamo incontrato Sr. Rosalia Scoizzato (Angola), Dom Fernando Mason (Brasile, Vescovo), ma anche P. Giorgio Dal Ben (Brasile), fr. Carlo Zacquini (Brasile) e don Stefano Bressan (Ciad). Abbiamo salutato P. Jean Marie (Burundi) e Sr. Gabriella Visentin (Italia).